L’OLOCAUSTO DIMENTICATO – 26 gennaio a Oxy.gen

 

Più di 500.000 rom e sinti sono stati uccisi nei campi di sterminio nazisti.
Una storia dimenticata. Una storia non ancora scritta.
Raccontarla è un atto dovuto.

 

Domenica 26 gennaio presso Oxy.gen Zambon alle ore 17:30 va in scena:

 

L’OLOCAUSTO DIMENTICATO  dedicato al genocidio del popolo rom e sinti durante il
nazismo. Un genocidio che nasce dal pregiudizio e dal razzismo imperanti nella
Germania degli anni trenta. A Berlino il dottor Robert Ritter, direttore del Centro di
Ricerche per l’Igiene e la Razza dichiara che “gli Zingari risultano come un miscuglio
pericoloso di razze deteriorate” e che “la question zingara potrà considerarsi risolta
solo quando il grosso di questi asociali e fannulloni sarà sterilizzato”;. La dottoressa
Eva Justin rivela al modo accademico nazista, nella sua applaudita tesi di laurea, la
presenza nel sangue degli zingari di un gene molto, ma molto pericoloso: il gene
dell’istinto al nomadismo: il terribile “wandertrieb”.

Lo spettacolo vuole essere un viaggio nella memoria alla scoperta di una pagina di
storia che inspiegabilmente non trova spazio nei testi scolastici.
Un genocidio dimenticato, così come dimenticati sono stati i risarcimenti dovuti ai rom
e ai sinti perseguitati durante il nazismo.
Uno spettacolo carico di umanità e di amore per un’ etnia, quella Rom e Sinti, che nel
corso degli anni più che essere sconosciuta è stata misconosciuta.

 

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. E’ consigliata la prenotazione allo 02.241016213 – eventi@oxygen.milano.it oppure 

Iscriviti qui