Giornata Mondiale per l’Ambiente: riprende la costruzione dell’Apistrada

Oggi 5 giugno celebriamo la Giornata Mondiale dell’Ambiente, quest’anno dedicata al tema del drammatico declino della biodiversità a livello globale. Per l’occasione proseguiremo nella realizzazione di un nuovo tratto di percorso dell’Apistrada, ambizioso progetto, lanciato lo scorso inverno, volto ad aumentare la biodiversità del Parco attraverso la più lunga strada fiorita per le api in Italia (3,5 chilometri di lunghezza con oltre un milione di fiori) che unisce i due apiari comunitari presenti nel Parco.

 

Il nostro Parco custodisce infatti, in 800 ha di territorio protetto, una ricca biodiversità fatta di 100 ha di boschi, 137mila m3 di acqua, 20 specie di alberi, 25 di arbusti, decine di specie di fiori spontanei, 85 specie censite di uccelli, 20 di mammiferi, 6 di rettili, 4 di anfibi, 25 di libellule e 23 di farfalle.

Per promuovere e ampliare questo patrimonio naturale, il progetto Apistrada prevede la semina, in prevalenza, di fiorume ovvero un miscuglio di semi di elevato pregio naturalistico, intenzionalmente prodotto a partire da un prato naturale mediante trebbiatura diretta del fieno. Domani si proseguirà con la posa di piantine nell’area del tracciato esistente all’altezza della Cascina Centro Parco, per una larghezza media di 1,5 metri.

Il progetto è stato momentaneamente interrotto a causa dell’emergenza sanitaria ma è arrivato il momento di riprenderlo avendo oggi una valenza simbolica ancora più forte per la biodiversità e per il profondo legame con la salute dell’ecosistema terrestre e la salute umana.

Circa un milione di specie viventi attualmente sono minacciate di estinzione, ad un ritmo che ha portato alla distruzione, degradazione e pericolosa frammentazione degli ecosistemi naturali. Interferire e spezzare gli equilibri della natura espone infatti le specie viventi -uomo compreso- a impreviste interazioni, modificando i meccanismi che garantiscono una sana armonia e conservazione delle specie.

“Noi facciamo parte della biodiversità terrestre e abbiamo la responsabilità di difenderla ma anche la grande opportunità di conservare questa ricchezza che è condizione indispensabile del nostro benessere e della nostra salute” – commenta Marzio Marzorati, presidente del Parco Nord Milano – “c’è una stretta connessione tra la salute del pianeta e la salute degli umani; tutelare la biodiversità significa aver rispetto della prosperità degli altri esseri viventi”.

Per questo è di fondamentale importanza il progetto Apistrada: oltre un terzo delle coltivazioni essenziali alla dieta umana si basa sull’impollinazione effettuata dalle api e altri insetti che sono in diminuzione, minacciati dell’uso di pesticidi e della riduzione dei loro habitat. Abbiamo il dovere di restituire loro luoghi in cui vivere, nutrirsi e continuare a lavorare per la biodiversità del pianeta.

Per supportare il progetto Apistrada e regalare una porzione di percorso fiorito puoi visitare l’area dedicata cliccando qui.