Accesso Civico

L’art. 5, comma 1 del D.lgs. n. 33/2013 prevede che chiunque, pur non avendone l’interesse, ha il diritto di richiedere documenti, informazioni o dati di cui è obbligatoria la pubblicazione ai sensi del D.lgs. n. 33/2013, nei casi in cui la pubblicazione sia stata omessa.
(Scarica il Modulo A)

L’art. 5, comma 2 del D.lgs. n. 33/2013 prevede che “chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del presente decreto, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti, secondo quanto previsto dall’art. 5-bis
Si tratta di un diritto di accesso non condizionato dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti ed avente ad oggetto tutti i dati e i documenti e informazioni detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli per i quali è stabilito un obbligo di pubblicazione.
– Può essere esercitato “da chiunque
– l’istanza “non richiede motivazione”.
(Scarica il Modulo B)

Il Parco Nord Milano ricevuta la richiesta, la valuta e si pronuncia sulla stessa entro 30 giorni.
Nei casi di pronuncia favorevole:
– pubblica nel sito istituzionale l’informazione, il documento o il dato richiesto e contemporaneamente comunica l’indirizzo della pubblicazione al richiedente (art. 5, comma 1, D.Lgs. 33/2013);
– trasmette il dato o il documento al richiedente (art. 5, comma 2, D.Lgs. 33/2013).

Accesso civico e diritto di accesso

Ricordiamo che l’accesso civico non sostituisce il diritto di accesso di cui all’art. 22 della Legge 241/1990;
– quest’ultimo è finalizzato a proteggere interessi giuridici particolari da parte di soggetti che sono portatori di un “interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto        l’accesso” (art. 22, comma 1, lett. b) della Legge n. 241/1990)
– e si esercita con la visione o l’estrazione di copia di documenti amministrativi.

Normativa di riferimento
Decreto legislativo n. 97 del 25 maggio 2016
Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell’art. 7 della legge 7 agosto 2015, n. 24, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche.
Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013
Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni.
Legge n. 190 del 6 novembre 2012
Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalita’ nella pubblica amministrazione.

 

  • Documenti
Nome File Dimensione
Modulo A 355 KB
Modulo B 374 KB