La biodiversità osservata dalle GEV lungo tutto il corso di un anno


Pubblicate 4  relazioni del Servizio  GEV sugli insetti, sugli anfibi, sulla manutenzione dei nidi artificiali e sull’avvistamento della fauna.

Sono ormai trent’anni che il Servizio di Vigilanza Ecologica Volontaria è attivo all’interno del Parco. Compito fondamentale svolto dalle GEV è quello della vigilanza e del far rispettare il Regolamento d’Uso del Parco, per poter permettere a tutte le persone che con diverse esigenze frequentano questo verde pubblico (famiglie con bambini, podisti, ciclisti, gente che porta a spasso il proprio cane) di poter trovare un luogo in cui trascorrere serenamente il proprio tempo.
Oltre alla tutela dei fruitori, altre importanti presenze del parco che il Servizio GEV tutela con il proprio operato, sono tutte quelle forme di vita, animali e vegetali, che naturalmente lo abitano.
Varie sono le attività che il Servizio GEV ha portato avanti, grazie all’impulso e sotto la supervisione del Responsabile del Servizio di Vigilanza Ecologica Volontaria Cav. Uff. Erminio Capelloni, per contribuire a salvaguardare e a mettere in luce la delicata biodiversità che trova nel parco, contornato da un’area fortemente urbanizzata, un luogo in cui vivere.

Tra queste vie è il posizionamento e la manutenzione di cassette nido, per favorire quelle specie di passeracei che in un parco in divenire come il nostro non avevano a disposizione molti siti adatti per una nidificazione indisturbata. La quantità di cassette nido posizionate ed ogni anno risistemate è andato incrementando col tempo, con un numero oramai superiore al centinaio. Utilizzate negli ultimi anni quasi esclusivamente da cinciallegre, sono anch’esse testimoni della praticamente totale scomparsa di passeri dal Parco Nord.

Altre fragili presenze del parco a cui le GEV hanno posto da sempre particolare attenzione sono gli anfibi. Diverse sono state le azioni per cercare di preservarne la presenza, come il recupero di uova e girini da luoghi inadatti al loro sviluppo per spostarli in habitat migliori, la predisposizione di pozze per favorirne la riproduzione, l’informazione assidua ai fruitori del parco, anche tramite mostre ed eventi specifici, affinché si diffondesse la conoscenza ed il rispetto per questi piccoli animali, ed in ultimo, il tentativo di verificare l’andamento delle loro popolazioni all’interno del parco tramite un censimento mirato.

Ogni anno vengono inoltre registrati i vari avvistamenti di animali effettuati, che permettono a fine anno di compilare ed aggiornare una checklist, non esaustiva, delle specie presenti nel parco. L’anno scorso (anno 2019), grazie alla GEV Giuseppe Mariani, esperto entomologo, si sono potute identificare anche alcune delle specie di insetti presenti al parco.

Potete trovare le relazioni inerenti a queste attività svolte nel 2019 alla pagina delle Guardie Ecologiche Volontarie.
Si tratta di relazioni estratte dalla Relazione di Fine Anno, che ogni anno viene compilata dal Servizio GEV, a cura del Responsabile del Servizio, per riportare la propria attività a Regione Lombardia.

Leila Kataoka, GEV  Parco Nord Milano

Foto tratte dall’Archivio GEV